Pascoli su Nebrodi pilotati,15 ordinanze

Sono 15 gli indagati dell'operazione Nebros II, sulla gestione mafiosa dei pascoli nella zona nebroidea condotta dalla Dda Nissena e dalla guardia di finanza di Nicosia (Enna), raggiunti da provvedimenti cautelari. Gli indagati sono accusati a vario titolo di turbata libertà degli incanti con l'aggravante mafiosa e abuso d'ufficio. Nella vicenda, risalente al 2015, ci sarebbe infatti anche lo zampino di Cosa nostra, che mirava al controllo dei pascoli nella zona del Parco di Nebrodi. Una vicenda che, secondo i magistrati della Dda nissena, riguarda irregolarità nell'assegnazione di 16 lotti destinati ai pascoli, che venivano dati in affidamento dall'azienda speciale Silvio Pastorale del Comune di Troina. Secondo l'accusa l'affidamento degli appalti, nonostante fosse stata indetta una regolare gara, era praticamente pilotato per favorire gli indagati e in questo sistema era coinvolto anche un funzionario pubblico, Antonio Consoli, 44 anni, catanese, presidente pro tempore della Silvio pastorale.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Petralia Soprana

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...